Attivismo antispecista

Perché i vegani non mangiano le uova?

Perché i vegani non mangiano le uova?

Vegani e uova? Il dilemma.

Siamo arrivati in un momento storico che i vegetariani sono quasi stati accettati nella società, mentre con il termine “vegano” si fa generalmente riferimento ad una persona troppo “estremista” per vivere in questa società.

Credo che la pazienza sia sempre stata, una delle poche qualità che mi appartengono.

Ho potuto costatare negli ultimi anni, di aver imparato ad ascoltare e poi rispondere. Questo mio cambiamento è stato di sicuro influenzato dal fare attivismo per strada. Impari davvero tanto.

Soprattutto a rispondere a modo, sempre gentile ed educata perché le persone che ho di fronte non sono deficienti, sono solo ignare della verità dei fatti.

La domanda: “Ma non mangeresti neanche le uova del contadino” mi è stata posta talmente tante volte che quando mi capita di riceverla, devo nascondere quel sorriso che spontaneamente mi si cela in viso. Altrimenti la persona che ho di fronte potrebbe pensare di essere presa in giro.

Quindi perché sono vegana e perché non mangio neanche le uova del contadino?

Per rispondere a questa domanda, farò riferimento a informazioni raccolte nel corso del tempo per essere più precisa possibile.

Ci sono due motivazioni distinte:

Motivazione Etica

Dal punto di vista etico, le galline come gli altri esseri viventi, non sono merce, non sono beni di consumo, non sono meri oggetti da sfruttare per l’alimentazione. Le uova che produce una gallina semplicemente non mi appartengono. Per questo non mangio le uova delle galline dei contadini. Ma poi tutti questi contadini che producono le uova per migliaia di persone dove sono?

In più acquistando le uova fomentiamo il furto e la violenza contro le femmine che subiscono abusi terribili e contribuiamo all’inquinamento ambientale, al malessere sociale e alla malattia.

Motivazione salutare

Dal punto di vista salutare le uova di gallina sono tossiche per gli esseri umani esattamente come gli altri prodotti animali. Prima di tutto, contengono proteine animali, grassi saturi e colesterolo, sostanze che ostruiscono le arterie, acidificano il sangue e tessuti, compromettono il sistema immunitario e obbligano l’organismo a sforzi eccessivi.

Le uova, di fatto, sono i “contenitori” di colesterolo più concentrati che si trovano nei supermercati. Presentano grandi quantità di residui chimici, ormonali e batterici dannosi alla salute. 

Mangiare uova significa nutrissi delle vibrazioni dell’infelicità. Trascorrono la vita nelle gabbie delle batterie, piccole prigioni di filo metallico alte 35-40 cm e larghe 45 o 50, contenenti ognuna da 4 a 8 galline così ammassate l’una all’altra che non possono neppure spiegare le ali.

I pulcini femmina vengono regolarmente debeccati, un’operazione estremamente traumatica che consiste nell’asportazione di circa la metà del becco.

La lama calda incide la parte più sensibile del tessuto nervoso, causando un dolore talmente acuto che il battito cardiaco dei pulcini aumenta fino al 300 battiti al minuto. Molti muoiono sul colpo.

I pulcini maschi non sono richiesti dal mercato e gli operai li uccidono in massa, soffocando e schiacciandoli vivi dentro grandi sacchi di plastica della spazzatura oppure gettandogli vivi dentro macchine dalle lame rotanti simili a trituratori per il legno, chiedi trasformano istantaneamente in mangime per il pollame o concime.

Quindi in conclusione…se anche dovessi trovare il contadino X disposto a darmi le uova delle sue galline cresciute all’aperto, non le mangerei perché non ne ho bisogno e perché non è un qualcosa che le galline producono per me.

Guardate il documentario “Dominion” per saperne di più

Fonte: Cibo per la pace – Will Tuttle


Leggi anche gli articoli:
Perché i vegani non mangiano il miele
Perché i vegani non bevono il latte?


Scopri gli altri articoli della categoria Attivismo Antispecista

Se sei curioso seguimi anche su instagram! Nelle storie tante novità!

Leggi anche...