Categorie
Guide vegan

Estrattore perché comprarlo?

Estrattore: la mia nuova scoperta!

Devo confessarvi che, fino a circa un anno e mezzo fa, non sapevo neanche dell’esistenza di questo elettrodomestico! Lo scorso anno, ho avuto la fortuna di conoscere il mio attuale amico Paolo, vegano da circa 13-14 anni (non ricordo bene). Fin da subito, non ha esitato a trasmettermi tantissime informazioni sull’alimentazione vegan e non solo.

È stato proprio lui, a indirizzarmi verso questo nuovo mondo degli estratti per un consumo maggiore di frutta e verdura.

Decisi, insieme a Paolo, di acquistare l’estrattore Estraggo Easy, che lui utilizzava da tempo. Considerato il prezzo elevato, mi suggerì di comprarlo, in un primo momento usato, per sperimentarne l’effettiva efficacia.

Ora non posso più farne a meno!

Perché usare l’estrattore di succo

Fin da piccoli c’è stata trasmessa l’importanza di consumare cinque porzioni al giorno di verdura e tre di frutta fresca.

I fitochimici presenti in frutta e verdura sono infatti la chiave per prevenire molte malattie oggi tra le più diffuse (patologie cardiache, asma, artrite, allergie). Tuttavia non è semplice consumare la quantità di frutta e verdura richiesta.

Quindi perché non provare a berle?

Succhi freschi, granite, gelati sono il modo più semplice di consumare ogni giorno le quantità raccomandate sia per gli adulti che per i bambini. I succhi sono importanti perché sono di facile assimilazione, danno il giusto apporto di acqua, hanno un’azione depurativa. In più, possiamo nutrirci di tutte le proprietà che hanno le piante vive, e che di solito si perdono nei processi di lavorazione. Per non parlare degli zuccheri naturali che fanno meno male di quelli raffinati, che sono presenti nei prodotti di pasticceria, nelle caramelle e nelle bibite.

Perché usare l'estrattore di succo

Cosa fa l’estrattore?

Per fare un succo bisogna utilizzare un apparecchio che sprema, sminuzzi, amalgami frutta e verdura, separando i liquidi della parte solida. Di solito quest’ultima viene gettata via, ma può anche essere utilizzata in altre ricette (esempio biscotti e barrette energetiche).

Quale comprare?

Di sicuro l’estrattore da acquistare deve essere di facile impiego, sia per pulirlo, sia nella fase di utilizzo. Importante è la dimensione dell’apertura, che deve essere abbastanza larga per potervi inserire la frutta e la verdura senza difficoltà.

L’utilizzo di estrattori a bassa velocità garantisce la produzione di succhi vivi che contengono un’alta concentrazione di minerali, vitamine ed enzimi (80% in più rispetto a quelli presenti nei succhi industriali), che non vengono distrutti attraverso il calore, per un succo nutrizionalmente superiore.

dal manuale di Estraggo Easy

Come pulire l’estrattore?

È necessario lavare l’estrattore subito dopo l’uso con dell’acqua calda e uno spazzolino, per eliminare i residui vegetali. Nel caso in cui abbiate fretta, si può lasciare in ammollo. Con il passare del tempo, infatti, i pigmenti naturali contenuti nel cibo fresco possono macchiare le parti in plastica. Potete lavare i pezzi anche in lavastoviglie.

Consigli sui succhi estratti

Il succo va bevuto immediatamente non appena viene separato dalla polpa. Se però fosse necessario prepararlo in anticipo, per esempio da portare al lavoro, si possono utilizzare dei contenitori di vetro a chiusura ermetica, riempiti fino all’orlo.

I succhi fatti in casa non sono pastorizzati, quindi non possono essere conservati a lungo. Vanno tenuti in frigorifero per non più di due, tre giorni per evitare la formazione di muffe e batteri. È buona regola consumarli sempre nel giro di un paio d’ore.

E tu hai mai pensato di comprare un estrattore? Ti consiglio, se sei all’inizio di fare come me: compralo usato. Oppure sul sito macrolibrarsi.it trovi degli estrattori, ad ottimi prezzi!


Scopri gli altri articoli della categoria Guide Vegan

Se sei curioso seguimi anche su instagram! Nelle storie tante novità!

Di Angelica Parisi

Angelica Parisi blogger e content creator.
Da piccola realizzavo checklist lunghissime da flaggare. Caratteristica che ancora oggi mi permette di essere precisa nel portare a termine le varie attività lavorative.
Fondatrice di Seevegan.it, blog di ricette e divulgazione del mondo vegano.