Guide vegan/ Video scelta vegan

What the Health: la correlazione tra dieta e cancro

What the Health: la correlazione tra dieta e cancro
What the Health con i sottotitoli in italiano – Youtube

What the Health: la correlazione tra dieta e cancro

Lascia che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il tuo cibo.

Ippocrate

Prima di scrivere questo articolo ho fatto una serie di ricerche, come di consueto, per capire il pensiero che si è diffuso in rete in merito a questo documentario. Ho trovato parecchi articoli che criticano i contenuti esposti in What the Health.

I contenuti negativi tendono a demotivare gli utenti nel guardare il documentario e apprendere delle verità che potrebbero indurli a cambiare stile di vita.

In tutta onestà, penso che ognuno di noi possa informarsi e trarre delle conclusioni.

Di cosa tratta What the Health?

È un documentario realizzato nel 2017 dallo stesso team di produzione di Cowspiracy, che mette in discussione la dieta alimentare con l’insorgere di malattie.

Il protagonista Kip, regista di San Francisco dichiara fin da subito di essere ipocondriaco, a causa di un’anamnesi familiare di diabete, malattie cardiache e cancro. Racconta di aver fin da piccolo cercato di controllare in maniera maniacale la sua salute, assumendo farmaci, facendo sport, non fumando e non bevendo. Fin quando non scopre che l’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) ha classificato come cancerogene le carni lavorate come bacon e salsiccia, dirette responsabili del cancro negli esseri umani. “Gli hot dog o il bacon possono essere pericolosi quanto fumare le sigarette”.

Se potessi inviare un messaggio ai ricercatori che stanno cercando la causa del diabete, la causa delle arterie ostruite, la causa dell’alta pressione sanguigna e la causa dell’obesità, vorrei dare loro la risposta in tre parole: è il cibo!

What the Health: le scoperte di Kip

La carne lavorata è cancerogena

L’organizzazione Mondiale della Sanità classifica la carne lavorata come cancerogeno di Gruppo Uno, lo stesso gruppo delle sigarette, dell’asbesto, del plutonio e classifica la carne rossa come cancerogeno di Gruppo Due. Kip scopre che sul sito dall’American Cancer Society, il più grande gruppo sul cancro in USA, sulla loro pagina “Mangia Sano”, in realtà si incoraggia a mangiare cibi cancerogeni del Gruppo Uno, come il tacchino lavorato e le carni in scatola.

Il diabete non deriva dal consumo di zuccheri e carboidrati

L’artrite, le malattie cardiache, la demenza, l’obesità, i cancri sono la causa di circa il 70% delle morti. Il diabete non è causato da una dieta ricca di carboidrati e dal mangiare lo zucchero, così come ci hanno sempre fatto credere. La causa del diabete è una dieta che aumenta la quantità di grasso nel sangue, ovvero una tipica dieta a base di carne animale.

Inoltre, l’idea che l’amido dei carboidrati fa male e fa ingrassare è sbagliata. Abbiamo il deposito dei carboidrati nei nostri muscoli e nel fegato, chiamato glicogeno. Per questo quando mangiamo carboidrati li immagazziniamo o li bruciamo. I grassi che mangiamo si depositano direttamente. Il nostro corpo non può trasformare quei carboidrati in grasso a meno che non stiamo esagerando con le calorie.

Di certo lo zucchero non fa bene perché non ha nutrienti, ma solo calorie in eccesso. Però quando mangiamo lo zucchero, non si crea subito l’infiammazione. Il fatto di concentrarsi sullo zucchero ha portato a togliere l’attenzione su carne, latticini, uova, maiale, pollo e tacchino.

Le malattie cardiache sono prettamente legate al consumo di carne

Quando mangiamo le tossine e i batteri da carne morta, in pochi minuti si crea una forte infiammazione all’interno del nostro sistema come se le arterie venissero paralizzate, le arterie si irrigidiscono. Sia dal punto di vista del cancro, sia dal punto di vista della malattia cardiovascolare, la proteina animale gioca un ruolo enorme. Le persone non pensano che le malattie cardiache siano derivate dal cibo, bensì da un’ereditarietà genetica.

Un tuorlo d’uovo di gallina è l’agglomerato più concentrato di grassi saturi e colesterolo.

Uno studio dimostra che mangiare un uovo al dì può essere negativo quanto fumare cinque sigarette al giorno per l’aspettativa di vita. È puro grasso e colesterolo.

E quando lo inseriamo nel nostro flusso sanguigno, riveste le cellule del sangue. Il sangue si fa più spesso e vischioso. Cambia i nostri livelli ormonali. Alza i nostri livelli di colesterolo. Quindi non c’è nulla di salutare nel mangiare un tuorlo d’uovo.

L’obiettivo delle grandi multinazionali di produzione di carne, uova e latticini è quello di creare confusione e installare nelle persone il dubbio. Se c’è abbastanza controversia le persone si arrendono non sapendo cosa mangiare.

In realtà se anche abbiamo una predisposizione genetica, possiamo cambiarla, attraverso ciò che mangiamo, lo stile di vita che facciamo, l’ambiente in cui viviamo.

Il latte non rende le ossa forti

Il latte di mucca è il fluido per la crescita del vitellino. Non c’è assolutamente nessun bambino o umano sulla terra che ha bisogno davvero di latte di mucca più di quanto abbia bisogno del latte di giraffa o ti topo. La proteina del latte è il cibo più allergenico, è un fluido pieno di ormoni sessuali quali estrogeni e progesterone.

Il latte biologico ha inoltre tanti grassi saturi, colesterolo, galattosio, quanto i latticini comuni. Le persone che bevono latte hanno probabilità più alte di fratture all’anca, più cancri: al seno, alla prostata, ovarico. Perciò non è un prodotto da consumare, neanche nel suo stato più puro.

Il consumo dei latticini aumenta le possibilità di un cancro alla prostata del 34%, e per le donne che hanno avuto il cancro al seno, solo una porzione al dì latticini, può aumentare la possibilità di morte del 49% per la malattia, e del 64% per qualsiasi altra cosa.

Si è scoperto che la caseina, la proteina principale dei latticini, in particolare del formaggio, si spezza nella digestione umana per creare quelle che sono definite “casomorfine”. Derivati della caseina, composti come morfine che vanno al cervello e attaccano lo stesso ricettore a cui si attacca l’eroina. Non sono altrettanto forti, ma il latte umano ha 2.7 grammi di caseina al litro, invece dei 26 grammi al litro del latte di mucca. Praticamente 10 volte di più. Non c’è da meravigliarsi se crea dipendenza.

Le organizzazioni sanitarie sono sponsor delle grandi multinazionali

Kip infine scopre che le grandi organizzazioni sanitarie incoraggiano le persone a mangiare cibi correlati alle malattie contro cui dovrebbero combattere.

  • L’American Heart Association promuove la carne bovina.
  • L’American Cancer Society promuove la carne lavorata.
  • I nastri rosa i latticini.
  • L’American Diabetes Association cibi a base di carne e grassi.

Queste organizzazioni sono sponsor delle grandi multinazionali, cioè prendono soldi da aziende della carne e dei latticini, che sono quindi correlate alle cause di queste malattie. È il governo che ci invita a bere più latte e mangiare più carne, formaggio, colpendo soprattutto il target dei bambini, perché impressionabili.

La maggior parte della ricerca non è impiegata per la prevenzione bensì per le medicine che potremmo usare per quella determinata malattia. Con la medicina convenzionale che sia una malattia autoimmune, o ipertensione o diabete, ci viene detto che dobbiamo assumere medicine. E non solo per una settimana, un mese, un anno, ma prenderle per sempre.

Inoltre, le grandi organizzazioni sanitarie accettano anche milioni di dollari dalle aziende farmaceutiche che fanno miliardi di dollari con le stesse malattie cui questi gruppi dovrebbero cercare di porre fine.

Conclusioni

Se tutti mangiassimo gli alimenti necessari per il nostro corpo, si potrebbero fermare e arretrare le malattie. Se le persone adottassero una dieta vegetale vedremmo i cambiamenti nella nostra salute, nella situazione sanitaria nazionale e ambientale in cui viviamo.

Non vivremo per sempre. Ma mentre siamo vivi possiamo vivere bene.

What the Health con i sottotitoli in italiano – Youtube


Leggi anche l’articolo su Cowspiracy – Il segreto della sostenibilità ambientale

Scopri gli altri articoli della categoria Guide Vegan

Se sei curioso seguimi anche su instagram! Nelle storie tante novità!

Leggi anche...

Nessun commento

Se ti va, lascia un commento